Notizie

Bocciatura della doppia preferenza di genere

In riferimento alla bocciatura dell’introduzione della “doppia preferenza di genere”, il Movimento Futura esprime il proprio forte dissenso da ciò che è successo in consiglio regionale dove non è stata approvata la proposta di legge in materia presentata dai consiglieri di 5 partiti diversi.
Perché passasse servivano i voti dei consiglieri di maggioranza , ma questi voti sono incredibilmente mancati . E’ importante sottolineare che questa non è una legge che impone qualcosa, offre semplicemente all’elettore un’opportunità in più, invece di una sola preferenza se ne possono esprimere due a patto che ci sia l’alternanza uomo/donna.
La sorpresa è ancora maggiore in quanto c’è una sentenza della Corte Costituzionale che ci esorta a recepire una legge nazionale del 2016. Ad oggi (assieme al Piemonte e alla Valle d’Aosta) siamo l’unica regione in Italia a non averla ancora attuata.
Questa sarebbe potuta essere un’occasione per tutti i partiti presenti in consiglio regionale, votando a favore della doppia preferenza di genere, avrebbero potuto superare le diversità ideologiche per approvare una legge già in vigore per le elezioni comunali in tutto il FVG e che di fatto serve ad “aggiustare” una disuguaglianza reale rispetto agli eletti donne in consiglio regionale sempre in evidente minoranza.
Sarebbe stato un segnale ed un salto di qualità culturale anche rispetto alla  disparità che ad oggi si continua purtroppo a riscontrare in ambito di tutele occupazionali tra uomo e donna (in Italia la percentuale di donne che ha perso il lavoro nell’ultimo anno è doppia rispetto alla media europea). Evidentemente Fedriga e gli altri esponenti che si sono espressi in modo contrario non hanno ritenuto importante siglare con il loro assenso una legge che esiste nella quasi totalità delle regioni italiane.
Gli esponenti del Movimento Futura e il candidato Sindaco Franco Bandelli disapprovano con forza questo atteggiamento privo di senso che dimostra una totale disattenzione politica nei confronti delle donne di questa regione che, con questa legge,  avrebbero potuto portare le loro competenze, esperienze e capacità professionali anche nel mondo della politica della regione del Friuli Venezia Giulia.

Condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter

Articoli recenti

© 2021 Futura (C.F. 90163240329)
Tutti i diritti riservati

Politica dei cookie